Home Eventi Alla 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia: “IL FILO DELLE DONNE VENEXIANE – The Thread of Venetian Women”
Alla 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia: “IL FILO DELLE DONNE VENEXIANE – The Thread of Venetian Women”
0

Alla 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia: “IL FILO DELLE DONNE VENEXIANE – The Thread of Venetian Women”

0

“IL FILO DELLE DONNE VENEXIANE – The Thread of Venetian Women”.
Proiezione del video di Arte-Mide

75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, giovedì 30 agosto 2018 ore 13.00. Hotel Excelsior – Spazio della Regione del Veneto, Lido di Venezia
T +393388673547 | info@arte-mide.com | www.arte-mide.com

Il video, presentato alla 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2018, restituisce l’esperienza degli interventi performativi, realizzati con la partnership della Regione del Veneto e della Fondazione Musei Civici, e nati per il progetto “Il filo delle Donne Venexiane” ideato e prodotto dall’associazione culturale Arte-Mide. Tale progetto, dal 2006, parte da una ricerca artistica sinergica su Venezia in cui confluiscono professionisti internazionali in diversi campi apportando una lettura multisensoriale integrata. Attori, musicisti, registi, curatori, visual designer, antropologi e storici collaborano assieme su ricerche che affondano le proprie radici nell’arte e nella cultura veneziana partecipando ad un processo di rivalutazione e diffusione di saperi recuperati dandone al tempo stesso nuove visioni. Il video è composto da dialoghi di parola recitata, musica e immagine, tra arte medievale, moderna e contemporanea e mira a portare il visitatore a instaurare una sintonia con l’estetica veneziana attraverso un linguaggio contemporaneo.

Il primo capitolo racconta le motivazioni poetiche della ricerca di Arte-Mide, ossia l’impegno di dare voce alle “donne venexiane”, celebri e non, e ad archetipi femminili: le merlettaie di Burano, le donne ritratte nei quadri di Ca’ Pesaro fino alla Lilith, la prima donna a riscattare la propria indipendenza dall’uomo. La leggenda dell’alga è dedicata all’epoca della nascita del merletto da un pegno d’amore di un marinaio a una buranella, e si racconta attraverso un intreccio sonoro e visivo di dettagli di merli di architetture gotiche, da cui ne ha origine il nome, e i coevi merletti fatti da punti in aere. La drammaturgia e la musica composte ad hoc dalle due artiste Chiarastella Seravalle e Rachele Colombo fanno riferimento ad un racconto emico tramandato oralmente di generazione in generazione.

Nel terzo capitolo, ideato da Francesca Seravalle e montato da Massimiliano Ciammaichella, si omaggiano le rivoluzioni iniziate del novecento, incompiute e tutt’ora in progress: la rivoluzione femminile, la rivoluzione digitale attraverso un intervento di morphing sui volti: “Le donne di Ca’ Pesaro”. Gli occhi e i profili della Giuditta di Klimt, la sorella di Boccioni, le signorine di Casorati si fondono, rotando sul proprio asse e interagiscono capovolgendo il ruolo del quadro osservato in quadro osservante. La musica di sottofondo è di Daphne Oram, la pioniera della musica elettronica.

IL FILO DELLE DONNE VENEXIANE – The Thread of Venetian Women
durata:10 minuti

Arte-Mide presenta
Testo e voce di Chiarastella Seravalle
Grafica/Visual di Andrea Moroni

La legenda del merletto – The legend of the lacework
Testo e voce di Chiarastella Seravalle
Musiche di Rachele Colombo
Video Morphing di Massimiliano Ciammaichella

Le donne di Ca’ Pesaro – Women from Ca’ Pesaro
Ricerca e concept di Francesca Seravalle
Video Morphing di Massimiliano Ciammaichella

Vogliamo ringraziare il Dipartimento della cultura della Regione Veneto – Art Vision per averci invitato alla Mostra del Cinema, la Regione Veneto e la Fondazione Musei Civici per la stretta collaborazione e sostegno, in particolare il Museo di Arte Moderna Ca’ Pesaro, il Museo del Merletto di Burano, che hanno ospitato gli spettacoli teatrali e le video proiezioni.

L’Associazione Arte-Mide da diversi anni promuove la valorizzazione del merletto e delle merlettaie, contribuisce alla tutela di uno dei lavori femminili della tradizione veneziana, anche attraverso lo spettacolo teatrale .Punto Burano Donne sul filo del Merletto, messo in scena durante la precedente edizione della Biennale del Merletto giugno 2016 al Teatro Goldoni con la regia di Massimo Navone. Arte-Mide è un’associazione di ricerca culturale e produzione teatrale che dal 2006 lavora sulla storia sociale delle donne nel corso dei secoli attraverso un format artistico “Il Filo delle donne Venexiane” con lo scopo di valorizzare quelle figure femminili indipendenti che, attraverso le loro vite, hanno lasciato un segno nella città di Venezia e nel mondo, portando in scena le vite di personaggi mitologici come la Lilith, di artiste dal calibro di Eleonora Duse e Rosalba Carriera, di personaggi storici quali Veronica Franco e di “anonime” di merlettaie, cortigiane, balie, cuoche. Da Venezia (Palazzo Ducale, Teatro Malibran, Casa Goldoni, Palazzo Mocenigo etc…) al carcere di Solliciano, alla biblioteca delle Oblate passando per il Festival di Teatro di Abbiategrasso (Mi), riscuotendo notevoli apprezzamenti in varie testate italiane, gli spettacoli di Arte-Mide riportano in contesti nazionali e internazionali ricerche storiche che rischiano di sparire. Per questo sono stati rappresentati a New York alla Frick Collection, a Montecarlo al grand Théatre, al Casinò di Campione e di Venezia.

Arte-Mide mail: info@arte-mide.com
Chiarastella Seravalle Presidente +39 338 8673547
Enrica Cavalli Responsabile progetti +39 348 0189169
Andrea Moroni consulente video