Home Eventi Rosalba Carriera: una vita per la pittura
Rosalba Carriera: una vita per la pittura
0

Rosalba Carriera: una vita per la pittura

0

Martedì 10 aprile alle ore 17.30
presso Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento Veneziano, Dorsoduro 3136 Venezia
Ingresso su invito, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Nell’ambito del progetto culturale “Venezia Città delle Donne”, con il quale la Fondazione Musei Civici di Venezia propone in tutte le sue sedi suggestioni e momenti di approfondimento tesi a promuovere una più ampia riflessione sul ruolo attuale della donna, martedì 10 aprile verrà presentato a Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento Veneziano l’evento “Rosalba Carriera: una vita per la pittura” organizzato da Arte-Mide, associazione che favorisce la ricerca culturale e la produzione teatrale incentrata sull’immagine femminile e la storia sociale nel corso dei secoli fino alla contemporaneità.

Dopo aver indagato diverse figure di donna nel ‘work in progress’ Il Filo delle Donne Venexiane, Arte-Mide approfondisce ora – interpretata da Chiarastella Seravalle – la figura di una delle più significative artiste veneziane: Rosalba Carriera. Pittrice considerata dalla critica come uno degli esempi più alti della pittura internazionale veneziana della prima metà del ‘700 e raffinata interprete della società mondana, con i suoi ritratti a pastello Rosalba si impone quale protagonista della stagione rococò veneziana.

L’evento metterà in luce, grazie alcuni rapporti epistolari e frammentidi diario dell’artista, brani inediti della vita avventurosa ed intraprendente della pittrice, in uno spaccato di vita tipico di Venezia e delle maggiori corti europee del ‘700. Faranno da “colonna sonora” i canti da battello, eseguiti da Rachele Colombo, i quali, insieme alle proiezioni di alcuni dipinti dell’artista, coloreranno l’immaginario dello spettatore in un affresco affascinante e inedito. Verrà inoltre posta l’attenzione sulla tecnica e sull’uso dei pastelli, anche attraverso alcuni “segreti tecnici” utilizzati pe ricreare i colori, che la pittrice serbava gelosamente nel suo taccuino.