Home Laboratorio di “Canzoni Veneziane”

Laboratorio di “Canzoni Veneziane”

A3_locandina_coro_rid-page-001

 

Laboratorio di “Canzoni Veneziane” del ‘700 e altri canti

 

Sembra ormai lontana l’atmosfera che si viveva a Venezia a metà del ‘700, tra canali calli e campielli, quando cantanti e “cantastorie” diffondevano le “canzonette” dell’epoca, accompagnati da un basso, da un violino, da un flauto, da un liuto, da un cembalo …

Quelle “canzonette” hanno avuto la fortuna di arrivare fino a noi nei manoscritti delle “Canzoni da battello” che negli anni ’90 del secolo scorso sono state portate alla conoscenza di studiosi e cultori di musica e cultura veneziana grazie alla pubblicazione curata da Sergio Barcellona e Galliano Titton, promossa e prodotta dalla Regione Veneto (“Canzoni da battello”, 1990).

“Un genere povero ma illustre”. Così lo chiama Giovanni Morelli. Il contesto in cui si sviluppano è Venezia intorno al 1740. La prima grande “tradizione dei cantanti-divi nei teatri” si sta esaurendo.

Venezia è più che mai “sonorizzata” da un infinito notturno “cantare nelle piazze, per le strade, nei canali” di goldoniana memoria. In pochi anni nasce e muore a Venezia la “tradizione scritta” delle “canzoni da battello”.

Il Corso di canto che Arte-Mide propone, partendo dalla preziosa raccolta delle “Canzoni da battello”, si estende inoltre ad altri repertori (per lo più sconosciuti), provenienti dalle ricerche etnomusicali del conduttore o di altri ricercatori.

 

Corso tenuto da Guglielmo Pinna

Per informazioni 349.5002034 / 349.2611633

 

 

GUGLIELMO PINNA

PNNA TAG

Animatore formatore. Etnomusicologo ricercatore.

Docente di Animazione nei Corsi triennali per educatori animatori della Regione Veneto dal 1987 al 1999 (Mestre, Treviso, Vicenza, Feltre, Portogruaro, Rovigo, Este…).

All’interno del progetto educativo si occupa principalmente del rapporto tra educazione e linguaggi d’arte, educazione e gioco.

In specifico i suoi studi e le sue esperienze sono rivolte in tre direzioni:

– ricerca etnomusicale ed etnocoreutica: la musica e la danza come espressione dei caratteri di un gruppo sociale; musica e strumenti musicali (materie per la musica);

– ricerca teatrale: il teatro antropologico come forma di rappresentazione delle identità culturali, artistiche, ambientali di un gruppo; il teatro di figura;

– gioco e giocattolo: il gioco come atto fondamentale da cui partono i linguaggi e le forme d’arte, il progetto educativo e il progetto artistico.

Direzione di progetti o interventi rilevanti:

 

  • Direzione “Terzo Ritratto” (1989-93), animazione con anziani in Casa di riposo e nel territorio. Progetto Pilota Triennale della Regione Veneto realizzato in Castelfranco V.to, gestione Cenasca Veneto.
  • Conduttore dei laboratori “Ingioco – Spazio d’arte” presso i Centri per malati mentali gestiti dalla Coop. L’Incontro di Castelfranco V.to – TV (1998-2003).
  • “Musica e riabilitazione” (musicoterapia), “Gioco, arte e riabilitazione” (arteterapia) nei CEOD per handicap medio-lievi, gravi e gravissimi – ULSS Dolo-Mirano (VE) (1993-94, ‘96, ‘97, ’98, ‘99).
  • Consulenza e formazione insegnanti sul “Teatro della scuola” nelle scuole elementari e medie di Mestre e Venezia, Itinerari Educativi, Comune di Venezia (1995-2000).
  • Incarico di docenza presso la “Scuola di specializzazione in Musicoterapia ‘G. Ferrari’ ”, Univ. Jean Monnet Bruxelles – sede di Padova (dal 2000…)
  • Ricerca etnomusicale ed etnocoreutica nella Regione Veneto (v. pubblicazioni); interventi in Convegni e/o Corsi di musica e danza (conseguenti alla ricerca etnomusicale) a Marsiglia (Univ.), Roma, Firenze, Bologna, Torino, Milano, Brescia, Bolzano, Gorizia, Rimini, Ancona, Venezia, Belluno, Rovigo…(dal 1986)
  • Coordinamento “Pagine aperte” – progetti operativi nel territorio con minori, giovani, anziani, volontari – per il Comune di Mira Assessorato alle Politiche Sociali (2001-2008)
  • Conduzione e regia di “Città segrete” – progetto permanente di teatro antropologico del Comune di Mira, con spettacoli finali (dal 2001…).
  • Direzione “Piccolo Coro”. Polifonia del Rinascimento e del Settecento veneziano (dal 1995…).
  • Membro del Gruppo di studio dell’“Osservatorio nazionale dell’immaginario infantile” – Stilema, Torino.

Principali pubblicazioni:

 

  • “Strumenti, musiche e balli tradizionali nel Veneto”, ed. Forni, Bologna 1987.
  • “Dalla Furlana al Valzer. Musiche e balli di tradizione nel Polesine”, ed. Minelliana, Rovigo 1988.
  • “Terzo Ritratto. Animazione con anziani” (cura), ed. Cenasca, Mestre-VE 1990.
  • “Il teatro del fare”, in “Scena Educazione”, ETI-AGITA, Roma 1995.
  • “Visto per il teatro” (video e libro – cura), ETI-AGITA, Roma 1997.
  • “Per un teatro condiviso”. Educazione e teatro nelle scuole veneziane (cura), Itin. Educ., Comune di Venezia 2001.

Mostre e performances d’arte:

 

  • Asolo (TV): “Giocattoli tra educazione e arte”, dicembre 1983.
  • Alessandria, Prato, Torino, Venezia: “Pinocchio nel paese degli artisti” con la scultura “L’albero dei pinocchi”, 1982 (cfr. M. Serenellini, “Pinocchio nel paese degli artisti”, Mazzotta, 1982).
  • Caen (Normandia), Torino, Venezia: il “Girafavole”, all’interno della mostra sui Teatrini d’Europa, 1984.
  • Monaco (Germania): partecipazione a “Maiendacht”, 1989.
  • Colonna sonora del Video “Forme in gioco”, des. M° Agostino Venturini, prod. A70, Mestre 1993.
  • Mestre-Venezia: partecipazione alla Mostra in piazza “Fuori l’arte” con la scultura “Le porte” (1997-98).
  • Castelfranco V.to: scultura in piazza “7 Porte”, realizzata insieme agli utenti dei Centri per malati mentali gestiti dalla Coop. L’Incontro (1998-99).
  • “Voci di pietre”. Musica e pietre delle Dolomiti: ricerca e performance. Provincia di Belluno, Museo etnografico di Cesiomaggiore (org. Artservice, BL – 2000).
  • “Voci di pietre”. Musica e pietre della Carnia: ricerca e performance. Con la collab. della Comunità Montana della Carnia e della Scuola di musicoterapia “G. Ferrari” di Padova (2007).
  • “Voci di pietre”. Colonna sonora di Spettacoli Teatrali sul “Filo delle donne” a Venezia (Museo del Pal. Mocenigo e Casa Goldoni, 2008) e a Firenze (Biblioteca delle Oblate e Carcere di Solliciano, 2008) prodotti da ArteMide – Venezia.